Paredes-Eriksen è uno scambio senza senso

Paredes-Eriksen è uno scambio senza senso

Sta impazzando sui giornali la notizia di uno scambio tra Inter e Psg con protagonisti Eriksen e Paredes. Secondo chi la riporta, alla base dell’affare sembra esserci la concreta volontà di virare sul 3-5-2 e abbandonare il trequartista. L’argentino diventerebbe un’opzione alternativa a Brozovic, con il quale i discorsi sul rinnovo del contratto in scadenza a giugno 2022 sembrano essersi arenati. Paredes è un metodista che ha giocato per tanti anni anche da interno di centrocampo: non è un giocatore che spicca per qualità come corsa e intensità. Ha invece grandi doti di palleggio e di pensiero calcistico, con una forte struttura muscolare che gli garantisce anche una certa fisicità a centrocampo, oltre a un buon tiro dalla media-lunga distanza.

C’è da capire quale sia la reale intenzione di Conte. Il modulo col trequartista che abbiamo aspramente criticato (recupera se non lo hai fatto già il nostro approfondimento al termine dell’articolo) non ha mai visto al centro Eriksen. Conte più volte non ha perso occasione di sottolineare come il cambio modulo sia coinciso con la volontà di mettere il danese nelle condizioni ideali. Il punto è che il numero 24 nerazzurro è stato inserito in un contesto che non collima con le sue caratteristiche: all’Inter si gioca con la palla addosso alle punte e si fanno muovere spesso le difese più con la palla tra i piedi che con i movimenti in profondità.

Paredes sarebbe un altro giocatore di pensiero quindi, certo con una maggiore fisicità, ma che rischia sempre di essere costipato a una dimensione non perfettamente idonea alle sue caratteristiche. Lo scambio avrebbe senso probabilmente unicamente da un punto di vista finanziario, visto che potrebbe dire plusvalenza per entrambe le squadre. Impietoso il confronto tra i due relativo ai gol fatti: in media circa 1 ogni 5 presenze per il danese, 1 ogni 10 per l’argentino. Sul fronte età, Paredes ha due anni in meno e già una valida esperienza in Italia con le maglie di Roma ed Empoli. Vale la pena però liberarsi così facilmente di un calciatore potenzialmente da 100 milioni senza avere prima un’idea chiara di cosa si voglia fare? Ai posteri l’ardua sentenza.

Conte sta distruggendo tatticamente l’Inter con il 3-4-1-2

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *