Lo strano caso di Pinamonti

Lo strano caso di Pinamonti

Non ci sono solo Nainggolan ed Eriksen nel club degli scontenti della Pinetina. Anche Andrea Pinamonti non sta vivendo il suo miglior periodo dopo il ritorno in nerazzurro. Rientrato in un giro d’affari col Genoa, è stato prima prelevato in prestito con diritto (versato quest’estate) dai rossoblù, poi con la recompra è tornato a Milano per la rotonda cifra di 18 milioni di euro. Che le aspettative non fossero delle migliori, lo si era capito già dalle dure parole dell’agente Mino Raiola dopo l’ufficialità dell’affare. Pinamonti, alle prese con problemi alla caviglia da metà novembre, non è mai riuscito a ritagliarsi spazio nonostante la scarsa abbondanza davanti.

Solo 40 minuti da quando è iniziata la stagione: pochi. Decisamente troppo pochi per uno che pochi giorni fa è stato indicato da Roberto Mancini come il centravanti del futuro per la Nazionale italiana. Conte ha riservato più spazio a Esposito lo scorso anno e complice chiaramente anche l’infortunio, non è mai riuscito a integrarlo al meglio. Le strade potrebbero dividersi presto, anche perché il rischio di svalutare (l’ennesimo) capitale tecnico della società è dietro l’angolo. Pinamonti ha bisogno di giocare e di ritrovare il gol, dopo un anno vissuto da punta titolare a Genoa con cui ha siglato 5 reti in 32 presenze.

Mino Raiola è un osso duro ed è consapevole di dover trovare rapidamente una soluzione per il proprio assistito. Da non escludere che possa rientrare in qualche trattativa nel mercato di riparazione e una delle piste può essere l’Udinese. L’Inter, complici le partenze di Nainggolan ed Eriksen, può virare con decisione su Rodrigo De Paul. Il club friulano è una bottega cara e difficilmente lascerà partire il proprio miglior giocatore a prezzo di saldo. Tuttavia Pinamonti è un profilo molto gradito ai bianconeri che potrebbe abbassare ulteriormente il prezzo fissato per De Paul (circa 35 milioni). Molto dipenderà appunto dalle situazioni degli altri partenti: se l’Inter riuscisse a costruire un tesoretto, l’idea potrebbe prendere velocemente forma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *