Le pagelle di Inter-Bologna: Brozovic da Premio Oscar, Hakimi bentornato, Lukaku…

Le probabili formazioni di Real-Inter

HANDANOVIC 6 – Incolpevole sul tap-in di Vignato, l’attacco bolognese del resto non lo impegna quasi mai.

SKRINIAR 6.5 – Linguaggio del corpo molto convinto fin dai primi minuti di gara. Gioca in maniera aggressiva e tenace, riuscendo sempre a metterci il gambone.

DE VRIJ 6.5 – Una delle prove più convincenti della stagione. Non stecca nessun intervento difensivo e imposta alla sua maniera: la protezione di Bastoni e Skriniar gli dà una certa sicurezza.

BASTONI 6 – Prestazione sufficiente ma anonima. Il Bologna da quel lato non gli crea nessun grattacapo, lui quando può sale addirittura sulla trequarti a cucire gioco e a duettare con le punte.

HAKIMI 8 – Bentornato Achraf, ci eri mancato! Messo finalmente nelle condizioni ideali di esprimersi, il marocchino non perdona e porta a casa la sua prima doppietta italiana con due gol pregevoli.

VIDAL 6 – Fa tanto lavoro sporco ma non spicca per nessuna giocata in particolare. Sicuramente rende molto meglio in posizione da mezzala, partecipa sempre alla manovra e in fase di non possesso è più cauto del solito negli interventi.

BROZOVIC 7 – È in una condizione stratosferica e lo si era visto già in Germania. Serve un assist fantastico ad Hakimi e si distingue ancora una volta per una regia da Oscar. In tanti dovrebbero chiedergli scusa.

GAGLIARDINI 6.5 – Vedi Vidal. A differenza del cileno, è anche molto bravo ad attaccare l’area sfiorando il gol in più di un’occasione.

PERISIC 6 – Partita ordinata: da una sua giocata sulla sinistra nasce il gol di Lukaku. Argina poi molto bene i non irresistibili attacchi rossoblù.

LUKAKU 7 – Sembra avere una splendida intesa con Sanchez, il quale garantisce anche molta più imprevedibilità e spazi al suo gioco. Sul gol è letale come sempre. Anche in zona assist, serve palloni con i giri giusti.

SANCHEZ 6.5 – Partita totale del cileno che non entra nel tabellino dei marcatori ma che non fa mai mancare vivacità agli attacchi.

BARELLA 6 – Col suo ingresso Conte fa rifiatare Vidal senza modificare l’assetto della squadra.

DARMIAN sv

LAUTARO 6 – Ingresso che fornisce ulteriore imprevedibilità agli attacchi. Punta tanto l’uomo, fa ammonire Danilo, sfiora il gol e mostra di essere in forma per mercoledì.

ERIKSEN sv – L’ingresso a due minuti dalla fine è bullismo puro.

CONTE 7 – Meriterebbe mezzo voto in meno per l’ennesima umiliazione riservata ad Eriksen. Ma oggi siamo buoni perché la sua Inter ci è piaciuta: ha saputo limitare alla grande tutti gli attacchi avversari ed è stata letale sotto porta nei momenti giusti. Con Brozovic in cabina di regia, tutto sembra tornato a brillare.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *