Le pagelle di Fiorentina-Inter: Ranocchia c’è, Eriksen può giocare in regia, Gaglia…

HANDANOVIC 6 – Regala sicurezza al reparto con interventi normali. Sul gol (imparabile) è immobile come sempre.

SKRINIAR 6.5 – Si conferma il più in forma dell’intero pacchetto arretrato. Nel secondo tempo continua a picchiare duro e con un giallo sul groppone, diventa difficile tenerlo in campo.

RANOCCHIA 7 – Prestazione impeccabile nonostante veda il campo col contagocce.

KOLAROV 6 – Quando preso in velocità dà l’idea di essere sempre un colabrodo, tutto sommato però gioca una gara ordinata e attenta con qualche bell’anticipo.

YOUNG 6 – Primo tempo con la giusta intensità poi cala alla distanza.

VIDAL 6.5 – L’orgoglio è ferito e lo si intuisce dall’atteggiamento agguerrito che ha in campo. Stavolta non combina guai e sigla anche il momentaneo vantaggio su rigore.

ERIKSEN 6 – Due errori da matita rossa che possono anche essere perdonati visto lo scarso minutaggio e la novità del ruolo. Tuttavia trova delle ottime giocate e col suo gioco di prima regala un minimo di imprevedibilità alla manovra. Tra le altre cose, cresce col passare dei minuti (ottimo nei supplementari).

GAGLIARDINI 5 – Finito un periodo di ottima condizione fisica è riannegato nei suoi limiti tecnici.

PERISIC 6 – Tanto impegno con un paio di cross dal fondo come si deve. Quante scelte stupide però, a partire dai continui e inutili falli in attacco.

LAUTARO 5 – Non si possono sbagliare (ancora) gol così.

SANCHEZ 5 – La peggior prova stagionale del cileno che non imbrocca nessun tipo di giocata: dalla più semplice alla più difficile.

LUKAKU 6.5 – Entra male in partita e sciupa un’occasione di testa a un metro dalla porta. In occasione del gol è fortunato perché la conclusione non è affatto irresistibile e per poco non viene clamorosamente respinta: tuttavia se non fosse per la sua zuccata, si poteva parlare del secondo obiettivo sfumato prematuramente.

DE VRIJ 6 – Ci mette impegno ma fare il terzo a destra non è il suo mestiere.

BARELLA 6.5 – Suo il cross per Lukaku che porta l’Inter ai quarti di finale.

BROZOVIC 6 – Non brilla ma quando torna in campo la partita “miracolosamente” si raddrizza.

HAKIMI 6.5 – Quando entra in campo ai difensori viola cominciano a venire gli incubi. Sfortunato sotto porta.

CONTE 6 – Buona l’idea di dar fiducia a Eriksen fino alla fine. Tuttavia la sua squadra continua a offrire trame prevedibili e a subire gol troppo facilmente: è un motore che non può bastare per vincere il campionato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *