L’Inter si libera di Joao Mario (per ora)

L'Inter si libera di Joao Mario

L’Inter si libera di Joao Mario e lo cede in prestito allo Sporting Lisbona. Il club portoghese riconoscerà al centrocampista un terzo dell’ingaggio (alla restante parte ci pensa l’Inter). Joao Mario guadagna circa 2.7 milioni netti a stagione: per il buon esito dell’affare manca solo qualche iter burocratico e l’ufficialità. Difficile immaginare un suo ritorno a Milano il prossimo anno, visto che il contratto scadrà a giugno 2022. Quando terminerà il prestito secco coi lusitani si andrà molto probabilmente verso la risoluzione di contratto, permettendo quindi al calciatore di trovare liberamente un ingaggio con la sua nuova squadra nella stagione successiva.

Proprio lo Sporting Lisbona, la squadra da cui l’Inter prelevò il portoghese. Quaranta milioni più bonus, tuttora Joao Mario è il terzo acquisto più caro della storia dell’Inter dopo Lukaku e Vieri. L’inizio in nerazzurro non fu niente male: due assist a Icardi contro il Pescara con Frank De Boer sulla panchina. Ai tifosi quello che colpì immediatamente fu l’eleganza e il passo felpato. Col passare del tempo però, le prestazioni di Joao Mario non si sono rivelate all’altezza delle aspettative. Quell’eleganza si è trasformata rapidamente in inconsistenza tecnica e fisica, il portoghese è sembrato particolarmente carente poi nel tiro.

Fu uno dei primi acquisti dell’era Suning. La società cinese si presentò col botto annunciando anche il colpo Gabriel Barbosa. Tutti sanno poi com’è finito il destino calcistico dei due, passati rapidamente da astri nascenti a promesse mancate. Joao Mario è passato in prestito già in Premier League al West Ham e in Russia alla Lokomotiv Mosca. I tifosi non hanno dimenticato poi le dichiarazioni al veleno rilasciate contro il mondo Inter, dovute probabilmente a una carriera molto deludente. L’Inter si libera di Joao Mario e spera di averlo fatto per sempre, così come tutti i tifosi (più uniti che mai nella crociata contro il portoghese).

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *