L’Inter asfalta il Lugano 5-0: Hakimi wow

Inter Lugano

L’Inter asfalta il Lugano nel suo primo test stagionale: 5-0 il punteggio ad Appiano Gentile. Oltre a un autogol, a segno per i nerazzurri Dalbert, Lautaro (doppietta) e Lukaku dal dischetto. Conte prova un’Inter a due facce, cambiando nella ripresa l’intero 11 in campo. Spicca subito Hakimi, già padrone della fascia destra. Il marocchino serve a Dalbert l’assist dell’1-0 e favorisce l’autogol del Lugano.

L’ex giocatore di Borussia Dortmund e Real Madrid sembra già in formato campionato: i compagni lo cercano con una certa insistenza e lui si fa trovare pronto attaccando l’out con costanza. Unica nota stonata che arriva per l’Inter è la botta che costringe Barella a lasciare il campo dopo soli 20 minuti dall’inizio della gara. Una contusione su spalla e braccio che desta poca preoccupazione: l’azzurro dovrebbe essere infatti a disposizione di Conte venerdì nella sfida amichevole contro la Carrarese.

Nel primo tempo Conte parte con Handanovic in porta. Difesa a tre con Skriniar, Ranocchia e Bastoni. A centrocampo Sensi in cabina di regia con Barella e Gagliardini a protezione. A sinistra Dalbert, a destra Hakimi. In avanti Lautaro Martinez e Sanchez. Dopo 3 minuti un’azione sulla destra di Hakimi trova lesto Dalbert su una ribattuta in area del portiere. Il 2-0 arriva al minuto 3-5 quando Kesckes devia alle spalle del proprio portiere il cross teso del marocchino. Gara che prende subito una certa direzione con il Lugano che si era reso pericoloso con un palo e un tiro fuori di un nulla.

L’Inter chiude i conti quindi dopo soli due minuti con Lautaro Martinez. Assist di Sanchez e conclusione precisa e potente sul secondo palo per il 3-0. E’ sempre l’argentino a trarre in inganno il portiere con un gioco di gambe e a depositare nel sacco anche il quarto gol di giornata.

Nella ripresa Radu in porta. D’Ambrosio, De Vrij e Kolarov, con l’esordio in maglia nerazzurra proprio dell’ex giocatore di Roma e City, a comporre il pacchetto arretrato. Da sinistra a destra: Perisic, Nainggolan, Brozovic, Eriksen, Young. Il danese a trazione decisamente più offensiva che agisce quasi da trequartista alle spalle di Lukaku e Salcedo. Dopo un solo minuto di gioco Lukaku si va a prendere con cattiveria un calcio di rigore che trasforma spiazzando il portiere. Inter che poi punge meno ma subisce anche meno, tenendo il pallone per larghi tratti della gara.

Buone indicazioni per Antonio Conte, l’Inter asfalta il Lugano e sembra in uno stato di forma quanto meno accettabile per l’inizio di campionato. Resta da vedere quali sorprese regalerà il mercato: occhio alla situazione di Brozovic, il Nainggolan visto oggi inoltre è anni luce lontano da quella che si potrebbe definire una buona condizione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *