Il divieto di parlare di tattica

Il divieto di parlare di tattica

Antonio Conte lo ha fatto capire a più riprese quando solleticato sulla questione: vige il divieto di parlare di tattica. Rispedite al mittente tutte le domande degli addetti ai lavori, con sprezzo e arroganza. “Si sono dette tante cose non vere“, “Sono io l’allenatore e so cosa è più giusto fare“. L’allenatore salentino, difende – avvalendosi naturalmente di un lecito diritto – il proprio lavoro e quello di tutto il suo staff. Restano inesplorati tanti temi che però solleticano con una certa insistenza le menti di tifosi e giornalisti, i quali diventano prontamente etichettati in maniera più o meno velata come “incompetenti” o “gufi” quando sollevano dubbi. L’abbiamo ripetuto anche nell’analisi post-gara di ieri, Conte si sofferma su cuore, occhi da guerrieri e Vidal portiere.

Dimentica però spesso la ragione che porta una buona fetta di appassionati – non tutti – a voler guardare il calcio non per forza sventolando il bandierone, ma anche a volerlo approfondire. Chi meglio di un tecnico, pagato (non poco) anche per raccontare ciò che si vede in campo a stampa e tifosi? L’atteggiamento di Conte è spesso di chiusura totale, che spesso purtroppo sfocia in arroganza (addirittura negli sfoghi estivi chiedeva tutela in tal senso dalla società). Sia chiaro, non è l’unico in Italia, nonostante in questo senso possiamo accogliere positivamente le eccezioni Gattuso e De Zerbi. Ed è forse questo – diritti televisivi a parte – un punto importante in cui varrebbe la pena avvicinarsi alla Premier League.

La logica conseguenza di questa comunicazione chiusa è il risultatismo, corrente di pensiero evergreen nel nostro Paese. L’allenatore è un cretino quando non vince, i calciatori sono pippe quando giocano male e i giornalisti criticano perché rosicano. Il calcio non diventa più sport, ma assomiglia più al trash talking. In quel caso ovviamente, ci si appella all’incompetenza altrui per giustificare momenti no o all’ambiente “difficile”. Il punto è che sarebbe bello se tutti si prendessero le proprie responsabilità, a partire dagli allenatori. A loro l’onere di educare gli ignari e di raccontare cosa accade sul prato verde. A costo di risultare ripetitivi, lo sottolineiamo ancora una volta: vengono pagati tanto anche (e soprattutto) per svolgere quel lavoro lì.

Mario Garau

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *