Parte l’assalto del Psg a Skriniar: il punto

assalto a skriniar

Parte l’assalto del PSG a Skriniar. Il difensore slovacco è stato individuato come il rinforzo ideale dopo l’addio di Thiago Silva. L’Inter ha fissato il prezzo: 60 milioni per portarlo via da Milano. L’offerta di Leonardo per l’ex difensore della Sampdoria è allettante: sei milioni di euro a stagione per i prossimi cinque anni. Antonio Conte ha dato il suo ok all’addio dello slovacco, considerato fuori ruolo come braccetto di una difesa a tre a causa della sua macchinosità in fase di impostazione. Gli arrivi di Darmian, gli addii di Ranocchia e Godin, potrebbero quindi tranquillamente riaprire la pista Kumbulla. Il difensore albanese piace moltissimo al tecnico salentino: ci sono stati dei contatti da gennaio. Poi proseguiti in estate, messi in stand-by vista la richiesta del Verona. Venticinque milioni per strappare il difensore agli scaligeri: una cifra che l’Inter potrebbe reinvestire solo qualora arrivassero soldi per le cessioni.

La pista parigina attrae molto Milan Skriniar. Un importante passo in avanti dal punto di vista economico, un grande palcoscenico in Europa con una squadra che lotta per i vertici della Champions. L’assalto del Psg a Skriniar ha radici profonde: i transalpini hanno fiutato l’affare due anni fa. Il giocatore era considerato incedibile, perno della difesa di Spalletti in cui formava con De Vrij un solido pacchetto arretrato. Da viale della Liberazione Leonardo aveva ricevuto solo risposte negative. La situazione post Covid è cambiata radicalmente: sceso il prezzo (il valore si attestava sugli 80 milioni) e cambiata la posizione dello slovacco.

L’agente del calciatore Marcelo Simonian è giunto a Milano per analizzare insieme all’Inter la situazione del proprio assistito. Non è da escludere qualche ribaltamento clamoroso la settimana prossima con un’offerta ufficiale. Ecco che l’Inter andrebbe dritta su Kumbulla e magari conserverebbe un bel gruzzoletto da portare a Londra per arrivare a N’golo Kanté.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *